Proroga dei 600€ per gli stagionali del turismo, dell’esenzione Tosap per le aziende della ristorazione e introduzione di bonus a fondo perduto. Sono alcune delle possibili misure contenute nel “decreto agosto”. Vediamole insieme.

Il decreto agosto, la manovra estiva per cui il Governo ha chiesto e ottenuto un ulteriore scostamento di bilancio da 25 miliardi di euro, conterrà una serie di misure per i settori del turismo e della ristorazione. Per il momento non c’è ancora niente di certo, ma negli ultimi giorni sono trapelate una serie di indiscrezioni che permettono di immaginare le misure a cui si sta lavorando.

Esenzione Tosap

Fra le misure più probabili c’è sicuramente la proroga dell’esenzione della Tosap, ovvero la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. Per ora, l’esenzione è valida fino a Ottobre, ma l’Esecutivo sembra avere intenzione di valutare una proroga.

Bonus 600€

Rimanendo in tema di proroghe, è probabile che il cosiddetto “pacchetto lavoro” prolunghi la durata del bonus di 600€ per gli stagionali del turismo e per i lavoratori dello spettacolo. Anche se è tutto ancora da confermare, la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha assicurato che ci sarà molta attenzione anche verso queste due categorie di lavoratori. Il pacchetto lavoro assorbirà all’incirca 13 dei 25 miliardi scostati dal decreto agosto.

Fondo di garanzia per affitti

Per sostenere le imprese che patiscono ancora le conseguenze dell’emergenza Covid19, si pensa di aggiungere un fondo di garanzia per gli affitti, al quale poi andrebbe accostato un incentivo al consumo. Questa novità sarebbe compresa nel pacchetto di misure che ha messo fine alle recenti polemiche fra i rappresentanti della ristorazione e la viceministra dell’Economia Laura Castelli.

Bonus a fondo perduto

Da tempo la Coldiretti sostiene che il settore della ristorazione rischia un crack da 34 miliardi di euro. Per scongiurare questa ipotesi, la ministra delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova, ha proposto di istituire un fondo ad hoc di circa 1 miliardo da dividere fra le 180.000 imprese della ristorazione in Italia. Questa somma verrebbe utilizzata per realizzare dei bonus a fondo perduto di circa 5000€ ad azienda, da impiegare per l’acquisto di prodotti agroalimentari italiani.

Piano Cashless

Infine, fra le notizie trapelate di recente, pare che ci sia l’intenzione di ripristinare, con il decreto agosto, le risorse per il cosiddetto “piano cashless”. Questo bonus era stato pensato nell’ottica di promuovere i pagamenti tracciabili, e doveva premiare le spese con carte e bancomat con un bonus che sarebbe dovuto arrivare all’inizio del prossimo anno. Un “bonus Befana”, per così dire. L’idea era stata messa da parte per via dell’emergenza causata dal coronavirus. Tuttavia, ora, si starebbe pensando di proporre qualcosa di simile per incentivare i consumi.

Queste sarebbero le varie misure che, seppur senza certezza, dovrebbero essere contenute nel decreto agosto. Noi di Newbiz monitoreremo, come al solito, gli sviluppi e li riferiremo prontamente. Continua a leggere il nostro blog per rimanere informato/a.