SI RIPARTE!

Stiamo vivendo una realtà mai sperimentata prima, ma… si riparte! La fase 2 dell’emergenza Coronavirus non sarà facile per molte aziende, ma ci siamo!

Cosa dovranno fare le aziende per riaprire e lavorare in sicurezza durante la fase 2?

Le aperture, innanzitutto, saranno differenziate ed in funzione della categoria di rischio. Teniamoci aggiornati sui canali ufficiali, seguendo le disposizioni giornaliere impartite dal Governo e dal Ministero della Salute, per evitare sanzioni e situazioni spiacevoli.

E per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro?

L’accertamento della responsabilità degli infortuni e delle malattie professionali segue un preciso iter e, in questo caso, non può essere addebitato in via pregiudiziale alle imprese e al loro modo di lavorare, visto che la contrazione del virus da parte di un lavoratore può avvenire in modi diversi. Ricordiamo, però, che il datore di lavoro è responsabile della sicurezza sul lavoro e della tutela della salute in azienda. Poiché il Covid-19 rappresenta un rischio biologico generico, è suo compito organizzare e gestire la sicurezza, in modo da ridurre i rischi e non pregiudicare la salute dei lavoratori.